Prestiti per dipendenti

Prestiti personali e cessione del quinto

Prestiti per dipendenti Arma dei Carabinieri: come richiedere

prestiti personali carabinieri

I dipendenti dell’arma dei Carabinieri possono ottenere dei prestiti a delle condizioni più favorevoli rispetto ad altre categorie di lavoratori ed in particolare va approfondita la questione legata ai prestiti personali destinati ai dipendenti dell’arma dei carabinieri.

A tutti i carabinieri viene data infatti la possibilità di accedere a dei finanziamenti personali e di ottenere denaro in breve tempo, talvolta addirittura entro due giorni lavorativi dal corretto invio della richiesta di prestito.

Prestiti per dipendenti Arma dei Carabinieri: principali caratteristiche

E’ utile conoscere le caratteristiche dei finanziamenti per Carabinieri prima di decidere di sottoscriverne uno. I carabinieri – e così tutte le forze dell’ordine – sono una categoria di lavoratori protetti e tra i loro benefici rientrano anche dei prestiti a tassi vantaggiosi.

Diverse società finanziarie hanno inserito tra le loro soluzioni dei prestiti appositamente pensati per i carabinieri. Nella maggior parte dei casi il denaro viene erogato dopo aver sottoscritto un contratto di cessione del quinto, con il quale il dipendente acconsente alla detrazione automatica ogni mese della rata mensile dalla busta paga.

Un’alternativa ai finanziamenti con la cessione del quinto dello stipendio sono i prestiti personali in cui è il debitore ad effettuare ogni mese il pagamento della rata pattuita. Solitamente i clienti preferiscono sottoscrivere la cessione del quinto, perché la restituzione risulta più semplice ed immediata.

In entrambi i casi si tratta comunque di prestiti non finalizzati: il carabiniere che richiede dei soldi non dovrà spiegare il motivo della richiesta e potrà utilizzare il denaro come vorrà, senza dover per forza sostenere una spesa specifica.

Documenti necessari per i prestiti per Carabinieri

L’ottenimento dei prestiti per Arma dei Carabinieri è piuttosto semplice. Sono pochi infatti i documenti richiesti per l’invio della domanda ed in genere non vengono fatti problemi per l’erogazione del denaro. Ai Carabinieri viene offerta l’opportunità di richiedere sia piccoli finanziamenti, sia finanziamenti di cifre più cospicue.

Per il prestito con la cessione del quinto viene richiesta una sola garanzia, ovvero la busta paga. E’ sufficiente percepire uno stipendio mensile per poter ottenere denaro in prestito, da restituire con una detrazione sullo stesso stipendio e pari al massimo al venti percento di questo.

Per tutti i finanziamenti è necessario poi presentare un documento di identità che sia in corso di validità e che attesti l’identità del richiedente. Può essere richiesta anche una copia del codice fiscale ed in alcuni casi una copia del CUD.

Migliori prestiti per Carabinieri

Dopo aver capito quali sono le caratteristiche principali dei finanziamenti per tutti i membri dell’Arma dei Carabinieri ed aver visto quali sono i documenti necessari per ottenere il finanziamento, è giunto il momento di scoprire quali sono i migliori prestiti per Carabinieri disponibili al momento.

Prestito Inps

La prima soluzione di finanziamento è quella proposta dall’Inps. Tutti i dipendenti pubblici possono chiedere dei prestiti Inps vantaggiosi, con dei tassi di interesse ridotti e con durata flessibile a seconda della cifra richiesta.

Si va dai piccoli prestiti personali, fino ad arrivare a dei prestiti pluriennali con durata massima di dieci anni nel caso in cui si dovesse avere bisogno di cifre più alte. In entrambi i casi il tasso di interesse rimane vantaggioso, ecco perché i prestiti ex Inpdap sono molto richiesti.

Per la richiesta del prestito si può compilare il modulo online, oppure ci si può recare di persona nella sede locale più vicina alla propria abitazione e più comoda da raggiungere.

Prestito Cofidis

I dipendenti dell’Arma possono ottenere dei soldi anche rivolgendosi al prestito Cofidis. Anche in questo caso il tasso di interesse che viene applicato è vantaggioso e dunque il costo finale dell’operazione non sarà eccessivamente elevato.

Il denaro viene erogato dopo la firma del contratto di cessione del quinto. Sulla cifra prestata viene applicato un TAN fisso del 6.50% ed un TAEG fisso del 6.78%, da tenere a mente per calcolare i costi del finanziamento.

Prestito Compass

La società di credito Compass ha delle soluzioni di finanziamento per tutti i dipendenti pubblici e privati e quindi è la soluzione ideale per chi ha bisogno di un prestito per Carabinieri.

I dipendenti dell’Arma possono chiedere fino a 30.000 euro, da restituire entro un massimo di 96 mesi, sempre con la formula di cessione del quinto. Il costo del finanziamento è più alto rispetto alle soluzioni proposte in precedenza: il TAN è del 9.90%, mentre il TAEG è dell’11.11%.

Prestito Findomestic

Non poteva ovviamente mancare il prestito per i Carabinieri di Findomestic. Findomestic è una delle società di credito più conosciute in Italia e vanta un ricco catalogo di prodotti finanziari, tra i quali anche dei prestiti per i dipendenti, in questo caso dipendenti pubblici.

Si possono ottenere in prestito fino a 60mila euro, da restituire entro al massimo 10 anni. I costi dell’operazione sono piuttosto contenuti: il TAN è del 6.03%, mentre il TAEG è del 6.20%, dunque il costo è minore rispetto al finanziamento di Compass.

Come scegliere il miglior prestito per carabinieri?

Sono diversi i fattori che devono essere presi in considerazione quando giunge il momento di scegliere tra le diverse soluzioni di finanziamento. I dipendenti dell’Arma dei Carabinieri hanno a loro disposizione numerose opzioni per ricevere il denaro di cui hanno bisogno, il che rende necessario effettuare un confronto per poter individuare la scelta più conveniente.

Attualmente tutti i finanziamenti possono essere richiesti online, oltre che nelle filiali della società di credito scelta. Questo significa che si potranno fare dei preventivi online per fare un calcolo della rata mensile e dei costi del finanziamento.

Si ricorda che i preventivi online sono gratuiti e che il calcolo dei costi con il preventivo non è assolutamente vincolante. Il nostro consiglio è di fare dei preventivi per tutte le soluzioni finanziarie, per capire di preciso quali sono i costi del finanziamento. In generale il costo dipende dalla durata del prestito e dalla cifra richiesta, oltre che ovviamente dal TAN e dal TAEG applicati sul capitale. Non bisogna lasciarsi ingannare dal TAN troppo basso, perché il costo finale dipenderà anche dal TAEG, che indica appunto la spesa complessiva e non solo il tasso di interesse annuale.

Updated: novembre 8, 2019 — 1:35 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prestiti per dipendenti © 2016 Frontier Theme